Ministero della Cultura

Menu
Sei in: Home / Musei

Castel del Monte

Andria

Eventi

Il Museo

Simbolo di armonica commistione tra elementi culturali provenienti dall’Europa settentrionale, dal mondo musulmano e dall’antichità classica, Castel del Monte, capolavoro unico dell’architettura medievale, è dal 1996 nella Lista del Patrimonio Mondiale UNESCO.

La Storia

Castel del Monte

Il Castello, risalente al XIII secolo (il primo documento a nostra disposizione per una datazione riporta l’anno 1240), fu commissionato da Federico II di Svevia, sovrano del Sacro Romano Impero.
Se oggi la struttura appare periferica, all’epoca della sua costruzione sorgeva poco lontano dall’asse che collegava i due importanti insediamenti di Andria e del Garagnone, presso Gravina. Proprio la sua posizione ha reso il Castello un elemento essenziale nel sistema di comunicazione all’interno della rete voluta da Federico II.
A lungo si è discusso sulla sua destinazione d’uso: il termine castrum, infatti, rimanda direttamente a una funzione difensiva, ma la presenza di alcune strutture “accessorie” e la ricercatezza del repertorio scultoreo hanno fatto ipotizzare anche una realtà residenziale e di rappresentanza.

L'Edificio

Castel del Monte - L'ottegono

Castel del Monte - L'ottegono

Costruito direttamente su un banco roccioso, il Castello è noto per la sua forma ottagonale. Su ognuno degli spigoli si innestano otto torri in pietra calcarea locale.
Il cortile, anch’esso di forma ottagonale, è caratterizzato, come tutto l’edificio, dal contrasto cromatico ottenuto grazie all’uso di breccia corallina, pietra calcarea e marmi. Un tempo erano presenti anche ricchi arredi scultorei, dei quali ad oggi restano solo una lastra raffigurante il Corteo dei cavalieri e un frammento di figura antropomorfa.
Nelle sedici sale di forma trapezoidale, otto per ciascun piano, sono caratteristiche le chiavi di volta delle crociere, ognuna decorata da elementi antropomorfi, zoomorfi e fitomorfi.
Alcune torri accolgono cisterne per la raccolta delle acque piovane, in parte convogliate anche verso la cisterna al di sotto del cortile centrale. In altre, invece, sono ubicati i bagni, dotati di latrina e lavabo.

La Collezione

Il corredo scultoreo, sebbene fortemente depauperato, restituisce una significativa testimonianza dell’originario apparato decorativo. Scrittori e storici locali, tra la fine del ‘700 e i primi secolo successivo descrivono un ricco apparato decorativo caratterizzato da tessere musive, piastrelle maiolicate, paste vitree e dipinti murali.
Ad oggi, sono ancora presenti le due mensole antropomorfe nella Torre del falconiere, i telamoni che sostengono la volta ad ombrello di una delle torri scalari e un frammento del mosaico pavimentale nell’VIII sala al piano terra.
Nella Pinacoteca Provinciale di Bari sono stati temporaneamente depositati, invece, due importanti frammenti scultorei, raffiguranti una testa ed un busto acefalo.

  • Portale principale

    Portale principale

    Il maestoso portale principale di ingresso al castello, contraddistinto dalle vibranti cromie tipiche della breccia corallina.

  • Volta a ombrello

    Volta a ombrello

    La volta a ombrello del piano superiore della torre VII, sorretta dai sei telamoni.

  • Testa barbuta

    Testa barbuta

    Testa barbuta sulla chiave di volta della cosiddetta "sala del trono", al piano superiore del Castello.

Indirizzo

località Castel del Monte
70031 Andria

Proprietà

Ente MiBAC

Tipologia

Architettura fortificata

Maggiori informazioni

Informazioni

Orari estivi di apertura al pubblico (dal 1 aprile al 30 settembre)

Lunedì: 10.00 – 18.45
Martedì: 10.00 – 18.45
Mercoledì: 10.00 – 18.45
Giovedì: 10.00 – 18.45
Venerdì: 10.00 – 18.45
Sabato: 10.00 – 18.45
Domenica: 10.00 – 18.45

Altre informazioni:
Modalità di visita:


https://www.coopculture.it/heritage.cfm?id=326 Possibilità di ingresso anche senza prenotazione in base alla disponibilità dei posti vacanti nelle fasce orarie indicate.

Con riferimento al DL 23 luglio 2021 n. 105 e alla circolare n. 40 del 27 luglio 2021 del Segretariato Generale e alle indicazioni del Ministero della Salute, per fronteggiare l’emergenza epidemiologica da Covid19, vengono applicate le seguenti disposizioni per i Paesi appartenenti alle liste A e C (di cui agli elenchi scaricabili dal sito www.viaggiaresicuri.it del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale): l’accesso è consentito esclusivamente ai soggetti muniti di una delle certificazioni verdi Covid19 Green Pass (in formato digitale o cartaceo) in grado di attestare – unitamente ad un documento di identità in corso di validità –: • di aver fatto almeno una dose di vaccino tra quelli autorizzati dall’EMA ovvero dall’AIFA (Comirnaty di Pfizer-BioNtech, Vaxzevria di Astrazeneca, Janssen di Johnson & Johnson e Moderna) • oppure essere risultati negativi a un tampone molecolare o rapido nelle ultime 48 ore • oppure di essere guariti da Covid19 nei sei mesi precedenti. La Certificazione verde COVID-19 non è richiesta ai bambini esclusi per età dalla campagna vaccinale (al di sotto dei 12 anni) e ai soggetti esenti sulla base di idonea certificazione medica. Con riferimento agli ingressi dai Paesi Israele, Canada, Giappone e Stati Uniti si precisa che in relazione alle certificazioni vaccinali emesse dalle Autorità sanitarie dei suddetti Paesi, in accordo a quanto indicato dalla Raccomandazione UE n. 2021/912 del 20 maggio 2021, esse dovranno riportare almeno i seguenti dati: – Identificativi della persona; – Relativi al tipo di vaccino e alla/e data/e di somministrazione. Si ricorda che i certificati dovranno essere accettati se in lingua italiana, inglese, francese o spagnola. Nel caso il certificato non fosse stato rilasciato in forma bilingue e non in una delle quattro lingue indicate dall’Ordinanza del ministro della salute del 18 giugno 2021, si ribadisce la necessità che venga accompagnato da una traduzione giurata. Tale documentazione andrà esibita all’accesso, contestualmente alla misurazione della temperatura.

ATTENZIONE: in mancanza di Green Pass e di un documento d’identità, entrambe in corso validità, non sarà possibile accedere al sito e, nel caso di musei a pagamento, il biglietto eventualmente acquistato non sarà rimborsato. Per maggiori informazioni www.dgc.gov.it.

Le misure anti-contagio e le modalità di visita sono consultabili al seguente link: Modalità-di-visita-aggiornato.pdf

Indirizzo

località Castel del Monte
70031 Andria

Come arrivare

In treno fino ad Andria e bus da Andria a Castel del Monte (servizio attivo dal 1° aprile al 1° novembre) (www.ferrovienordbarese.it; www.autolineeandriesi.it) In auto: autostrada A14 (Bologna-Taranto); autostrada A16 (Bari-Napoli), uscita Andria-Barletta S.S. 170 per 18 km circa. In aereo: aeroporto Bari Palese (km 45)

Contatti

+39 327/9805551
www.casteldelmonte.beniculturali.it
drm-pug.casteldelmonte@beniculturali.it

Biglietto intero

Intero: 7 euro (riduzioni e gratuità secondo legge)

Biglietto ridotto

2 euro

Prenotazione

Facoltativa

Animali

Ammessi animali domestici di piccola taglia solo con trasportino