Ministero per i beni e le attività culturali e per il turismo

Menu
Sei in: Home / Magazine

#MUSEICONNESSI: il progetto digitale della Direzione regionale Musei Puglia

Il 17 gennaio si è conclusa l'iniziativa digitale #museiconnessi, progetto della Direzione regionale Musei Puglia nato dalla volontà di coinvolgere attivamente il pubblico sfruttando i canali digitali e in particolare i social.

Per cinque settimane i siti della Direzione hanno pubblicato sui propri canali social contenuti a tema, proponendo dialoghi e scambi di opinione secondo il seguente calendario:

  • Da lunedì 14 a domenica 20 dicembre 2020: #conservazione
  • Da lunedì 21 a domenica 27 dicembre 2020: #unione
  • Da lunedì 28 dicembre 2020 a domenica 3 gennaio 2021: #cambiamento
  • Da lunedì 4 a domenica 10 gennaio 2021: #comunicazione
  • Da lunedì 11 a domenica 17 gennaio 2021: #storia

 

#CONSERVAZIONE

La prima settimana è stata dedicata al tema della #conservazione: i luoghi della cultura della DRM Puglia hanno proposto esempi virtuosi di partiche conservative (come quelli illustrati dalla Galleria Nazionale della Puglia, dal Museo Nazionale e Parco Archeologico di Egnazia e dal Castello svevo di Bari), hanno presentato alcuni progetti in corso (come il progetto internazionale Sleeping Beauty, a cui hanno dedicato i loro post i Musei Nazionali Archeologici di Gioia del Colle e di Canosa di Puglia ed il Parco Archeologico di Monte Sannace) o hanno sottolineato l’importanza di un’adeguata strategia di monitoraggio e di manutenzione ordinaria (come illustrato dall’Antiquarium e Parco Archeologico di Canne della Battaglia).

 

#UNIONE

Durante la settimana di Natale è stato sviluppato il tema dell’#unione, che in questo particolare periodo assume un significato ancora più importante, ricordandoci, come fa il Museo Archeologico Nazionale Canosa di Puglia, che possiamo restare uniti nonostante le distanze. Il tema è stato variamente declinato dai luoghi della cultura della Direzione: alcuni (come la Galleria Nazionale della Puglia, il Castello svevo di Bari ed il Museo Nazionale e Parco Archeologico di Egnazia), conferendo al tema un significato spirituale, hanno presentato immagini collettive sacre e profane, mentre altri (come il Museo Nazionale Archeologico di Gioia del Colle, l’Antiquarium e Parco Archeologico di Canne della Battaglia ed il Parco archeologico di Monte Sannace) hanno illustrato concreti esempi di connessioni strutturali e materiali presenti nei propri siti.

 

#CAMBIAMENTO

La settimana che coincide con il Capodanno ha visto come protagonista il tema del #cambiamento. Dai riferimenti alle tradizioni del passato (Museo Nazionale Archeologico di Gioia del Colle e Parco archeologico di Monte Sannace), ai cambiamenti strutturali avvenuti nel tempo (Castello svevo di Bari), alle iniziative recenti e programmate (Museo Nazionale e Parco Archeologico di Egnazia e Parco Archeologico di Siponto), i luoghi della cultura hanno colto l’occasione per porgere a tutti un augurio per un anno sia ricco di pace e serenità.

 

#COMUNICAZIONE

Anche il tema della #comunicazione, a cui è stata dedicata la penultima settimana del progetto, è stato variamente interpretato dai luoghi della cultura della DRM Puglia. Il Castello svevo di Bari ha proposto una raccolta delle principali iniziative organizzate nei mesi passati, mentre altri siti hanno dedicato i loro contenuti ed approfondimenti a personaggi (come la Galleria Nazionale della Puglia) ed elementi architettonici (Museo Nazionale e Parco Archeologico di Egnazia, Museo Nazionale Archeologico di Gioia del Colle e Parco archeologico di Monte Sannace).

 

#STORIA

Per l’ultima settimana dei #museiconnessi, dedicata al tema della #storia, i luoghi della cultura della DRM Puglia hanno condiviso immagini (come lo scatto di scatto di Auguste Léon del 1913 davanti al Castello svevo di Bari o la storica foto del 1952 degli operai intenti nello scavo presso il Parco Archeologico di Egnazia), evidenze archeologiche (come la lastra di marmo onoraria del Museo Archeologico Nazionale di Egnazia o le caratteristiche costruttive delle abitazioni prossime al circuito murario del Parco Archeologico di Monte Sannace) e aneddoti (come i riferimenti alle pellicole che hanno usato come set il Castello di Gioia del Colle), che documentano l’avvicendarsi dei secoli nei diversi luoghi..