Ministero per i beni e le attività culturali

Menu

Giorno della Memoria 2020: Ricordare, un dovere morale

27 Gennaio 2020

Significato e riflessioni sulla data del 27 gennaio

Il 27 gennaio ricorre il Giorno della Memoria, istituito dal Parlamento italiano con la legge n. 211 del 20 luglio 2000. La data è stata scelta, come ricorda la legge stessa, quale anniversario dell’abbattimento dei cancelli di Auschwitz, in ricordo della Shoah, lo sterminio e delle persecuzioni del popolo ebraico, per “conservare nel futuro dell’Italia la memoria di un tragico ed oscuro periodo della storia nel nostro Paese e in Europa, e affinché simili eventi non possano mai più accadere”.

Per commemorare il 74° Giorno della Memoria, lunedì 27 gennaio 2020 dalle ore 11.30, presso il Museo Nazionale Archeologico di Altamura, in collaborazione con il Liceo Scientifico Federico II di Svevia e il VI Circolo Don L. Milani, avrà luogo la manifestazione commemorativa Giorno della Memoria 2020: Ricordare, un dovere morale. Significato e riflessioni sulla data del 27 gennaio.

Durante la manifestazione, la professoressa Vita Palmiotta, intervistata da uno studente, racconterà del suo recente viaggio ad Auschwitz e illustrerà alcune foto. A seguire la lettura di alcune pagine tra le più significative della nutrita antologia letteraria italiana e straniera, e del libro di Elisa Springer Il silenzio dei vivi. All’ombra di Auschwitz, un racconto di morte e di resurrezione.

In sottofondo le musiche della tradizione ebraica.

Non è colpa né merito, nascere di religione ebraica, cattolica o protestante; nascere di razza bianca o nera. Siamo tutti figli di Dio, di un unico Dio, quel Dio che a me è stato negato e che, nonostante tutto ho sempre disperatamente, cercato!” (Elisa Springer)