Ministero per i beni e le attività culturali

Menu

#Dantedì – La dolina carsica del Pulo di Altamura dialoga con Dante dal profondo del suo inferno

25 Marzo 2020

Le affinità immaginifiche tra l’Inferno di Dante Alighieri e il Pulo di Altamura (BA), la più grande dolina carsica dell’Alta Murgia,  riguardano principalmente la rispettiva morfologia:

  • una profonda depressione originata dall’azione erosiva dell’acqua piovana esercitata sulle rocce calcaree nel caso del Pulo, una voragine infernale formatasi per l’orrore provato dalle terre emerse a contatto con la caduta di Lucifero, respinto dal Paradiso.
  • il Lucifero dantesco giace conficcato nel centro della Terra, nel punto più lontano da Dio, immerso fino al busto nel lago sotterraneo di Cocito, il quale è perennemente congelato a causa del vento gelido prodotto dal continuo movimento delle sue sei ali.  Dal suo canto, il Pulo è il punto più basso di una vasta area di scolo delle acque piovane, la quale sopraggiunge attraverso le due lame, una a nord-est ed una a nord-ovest. Tale bacino idrografico costituisce, secondo il noto studioso Colamonico, “una delle più ampie zone d’assorbimento che si trovino in tutta la Puglia”.
  • L’Inferno descritto da Dante Alighieri è una profonda cavità a forma di imbuto “un’immensa voragine a forma di cono rovesciato, che si spalanca nelle viscere della terra sotto la città di Gerusalemme, nell’emisfero settentrionale della Terra”; similmente il solco erosivo del Pulo, situato a nord-est, più di due milioni di anni fa si ritiene fosse  sotterraneo e che avesse il suo recapito finale in un inghiottitoio allargatosi via via in tal misura fino a collassare.

> Scopri la dolina carsica del Pulo di Altamura

> Scopri i reperti ritrovati nelle grotte del Pulo di Altamura