Ministero della Cultura

Menu
Sei in: Home / Notizie / Bandi

Avviso pubblico per acquisto di oggetti e materiali vari dismessi – Castello svevo di Trani

Scadenza: 04 Dicembre 2020

La Direzione regionale Musei Puglia intende procedere alla vendita di oggetti e materiali dismessi depositati nei locali del Castello svevo di Trani (piazza Manfredi Re, 16 – Trani).

Per l’elenco dei beni e le modalità di presentazione delle offerte si rimanda all’allegato Avviso Pubblico.

Si invitano, pertanto, i soggetti interessati a far pervenire, con consegna a mano, oppure a mezzo del servizio delle Poste Italiane SpA, oppure mediante agenzia di recapito autorizzata, il plico contenente l’offerta e la relativa documentazione di seguito indicata entro il termine perentorio delle ore 12,00 del giorno 04 dicembre 2020, indirizzato all’Ufficio Consegnatario della Direzione Regionale Musei Puglia (contatti: 080 5285 207, giovanni.iacuitti@beniculturali.it) con indicato in chiare lettere all’esterno: “Offerta per acquisto oggetti e materiali vari dismessi – castello svevo Trani”.

Il plico dovrà contenere:

  • dichiarazione, sottoscritta dall’offerente, che attesti la cifra offerta;
  • fotocopia di un documento d’identità in corso di validità dell’offerente;
  • dichiarazione che in caso di aggiudicazione procederà al ritiro di tutti gli oggetti e materiali entro 15 giorni dalla comunicazione da parte di questa Direzione;
  • attestazione di avvenuto sopralluogo (da effettuare su appuntamento).

Gli oggetti e materiali vari dismessi si intendono ceduti nello stato in cui si trovano, visti e piaciuti da parte dell’acquirente; tutti gli oneri sono a totale carico dello stesso che dovrà procedere, a sua esclusiva responsabilità, nel rispetto della normativa vigente inclusa quella inerente il contenimento e la gestione dell’emergenza epidemiologica da Covid-19, al ritiro con modalità e tempistiche da concordare con l’Ufficio del Consegnatario.

Nessun reclamo e nessuna contestazione saranno ammessi dopo l’aggiudicazione: l’acquirente sarà consapevole che, trattandosi di beni dismessi, gli stessi possono presentare difetti vari ed essere privi di parti che ne compromettono, allo stato attuale, la funzionalità.