Ministero per i beni e le attività culturali

Menu
Sei in: Home / Attività / Progetti

Cibo Rito Convivialità

In occasione dell’Anno del Cibo Italiano, il Polo Museale della Puglia ha organizzato una serie di iniziative per promuovere il ruolo del cibo all’interno del patrimonio culturale immateriale.

In occasione dell’Anno del Cibo Italiano, dichiarato per il 2018 dal Ministero dei Beni e delle Attività Culturali in collaborazione con il Ministero delle Politiche Agricole e Forestali, il Polo Museale della Puglia ha dato vita al progetto “Cibo Rito Convivialità”.

L’iniziativa, che ha esordito il 21 giugno con l’inaugurazione della mostra fotografica “Can food be art? Fotografie di Salvo d’Avila, a cura di Lia De Venere”, intende dar vita ad un percorso integrato volto a promuovere il ruolo del cibo quale componente fondamentale del patrimonio culturale immateriale italiano.

Di seguito, alcuni degli eventi da non perdere.

Presso il Museo Archeologico Nazionale di Altamura, in aggiunta alla mostra permanente “Preistoria del cibo. Alle origini del pane”, è stato ideato un nuovo itinerario, “Dal pane al vino”: il racconto della storia del cibo dal paleolitico all’epoca medioevale attraverso i reperti archeologici esposti e approfonditamente illustrati tramite QR Code.

Sempre all’interno delle sale del Museo Archeologico di Altamura è stata allestita la mostra fotografica di Piero Amendolara, reporter pluripremiato sia in ambito regionale che nazionale, che vuole raccontare la Murgia e il suo patrimonio culturale immateriale.

Una serie di iniziative sono realizzate dall’Associazione di promozione territoriale e culturale COMUNICÆTICA MADEINMURGIA.ORG di Puglia e Basilicata. Tra queste, gli incontro “La vite nel tempo”, incentrato sullo stretto rapporto che sussiste tra il vino e il territorio, e “La filiera della canapa”, per scoprire il suo uso multifunzionale e l’importanza all’interno della dieta mediterranea.

Il Museo Archeologico Nazionale “G. Andreassi” di Egnazia propone la mostra temporanea “Antichi rituali della tavola”, una raccolta di reperti provenienti da un corredo funerario con servizio da banchetto databili tra V e IV secolo a.C.

Un gruppo fittile di banchettanti viene inoltre proposto in una restituzione 3D e un digital storytelling: una narrazione, realizzata web apps, webware, ispirata alla rappresentazione del noto gruppo egnatino in terracotta, sviluppando il tema del banchetto e dell’allestimento della mensa nel periodo ellenistico-romano.

Egnazia - Gruppo fittile di banchettanti

Egnazia – Gruppo fittile di banchettanti

In occasione delle Giornate Europee del Patrimonio in programma a settembre, all’interno del Castello svevo di Gioia del Colle viene messa in scena la performance teatrale “I giorni del grano”, in collaborazione con Cantieri Teatrali Koreja di Lecce: un racconto innovativo e multisensoriale della tradizione panificatoria del territorio delle Murge.

Sempre presso il Castello di Gioia del Colle, prende forma una mostra temporanea sul banchetto scenografico tra arte, cinema e teatro con l’esposizione di alcune opere di de Chirico messe a disposizione dalla Fondazione Giorgio de Chirico.

Presso il Parco Archeologico di Monte Sannace si propone la visita di ambienti arredati di una casa peucezia: una tipica costruzione già attestata dal periodo arcaico e poi diffusa capillarmente nel IV a.C.

In autunno un’esposizione di piatti da pesce e vasi figurati con motivi legati al simposio, provenienti della collezione del Museo Archeologico Nazionale Jatta di Ruvo di Puglia, chiude la sezione archeologica del progetto “Cibo Rito Convivialità”.

Museo Archeologico Nazionale Jatta - Vasi figurati

Museo Archeologico Nazionale Jatta – Vasi figurati

Castel del Monte ospiterà “Convivium – Stupori e sapori alla tavola di Federico II”, con rievocazioni storiche dell’età federiciana connesse alla valorizzazione delle eccellenze eno-gastronomiche del territorio.

In collaborazione con l’Associazione ETRA è in progetto il coinvolgimento degli artisti cartapestai pugliesi per realizzare laboratori didattici dedicati al cibo, che il Polo promuoverà sul territorio della Regione.

Il progetto prevede la sua conclusione con una mostra presso il Castello svevo di Bari interamente dedicata ad opere di artisti contemporanei figurativi, iperrealisti e pop.

Il Polo Museale della Puglia intende coinvolgere attivamente nel progetto anche i Musei del territorio – tra i quali per esempio il Museo del Grano di Cerignola – la cui vocazione è strettamente connessa alle tematiche proposte.

Tra i seminari e le giornate di studio che completano il programma, da segnalare la conversazione “Il cibo nell’arte occidentale dall’antichità ad oggi”, tenuta da Lia De Venere, storica dell’arte e curatrice di mostre d’arte contemporanea, l’intervento del Generale Giuseppe Giove, Comandante del Corpo dei Carabinieri Forestali per la Regione Emilia Romagna, sulla tutela del patrimonio ambientale e della biodiversità, e gli incontri con Mariastella Margozzi (“Cucina futurista”) e Renato Morisco, noto gastronomo e food technologist barese.

Per scoprire anche le altre iniziative, in allegato il comunicato stampa di presentazione dell’iniziativa.

Risorse

Vedi anche

  • Notizie

    La cultura del cibo tra innovazione e tradizione

    Giornata di studi organizzata dal Polo Museale della Puglia per l'#annodelciboitaliano il 15 novembre 2018

    Approfondisci »
  • Notizie

    Anno del cibo italiano - Conferenza stampa

    Presentazione delle attività programmate per l'#annodelciboitaliano presso la Chiesa di San Francesco della Scarpa a Bari

    Approfondisci »